3

David Carradine: suicidio o asfissia autoerotica?



Non ci si può credere.
David Carradine che si impicca.
Bill di Kill Bill. Proprio lui.
Un uomo che non deve chiedere mai.
Ancora più assurdo invece è pensare che si sia ammazzato durante un tragico gioco erotico.
Ma perchè? Non riusciva a trovare di meglio per eccitarsi?

Appena ho letto la notizia, mi è venuto in mente un caso analogo.
Michael Hutchence, il 37 enne cantante degli INXS, fu trovato morto in una stanza d'albergo, in una situazione simile nel 1997.
Anche per lui all'inizio si disse solo... "si è impiccato"... perchè il quadro non era molto chiaro.
Subito parenti e amici dissero che era una messa in scena e non credevano all'ipotesi suicidio-perverso.

Ma del gioco erotico? La cossidetta "asfissia autoerotica", Nessuno ne parla.

E il Mortificatore ha indagato per voi:


Sul Wikipedia ho trovato che:

L'asfissia autoerotica consiste nel trattenere ripetutamente il respiro durante la masturbazione al fine di sollecitare alcune terminazioni nervose che rendono l'orgasmo particolarmente piacevole e forte. Il momento in cui bisogna concentrarsi e fare boccate profonde d'aria da trattenere poi nei polmoni è quello che precede di una trentina di secondi l'orgasmo, quando il pene si fa più turgido e i testicoli si irrigidiscono(ovvero, nella donna, quando i genitali e il clitoride si inturgidiscono, predisponendosi all'orgasmo). Questo amplificherebbe la portata e l'intensità dell'orgasmo.


Mentre su psicolinea, il blog della Dottoressa Giuliana Proietti, ho trovato quanto segue:

L'asfissia autoerotica è una parafilia di tipo masochistico, che può avere conseguenze letali.
Chi la pratica, lo fa perché la deprivazione di ossigeno sembra che induca un'eccitazione sessuale.
Già prima del 1600 si era a conoscenza che l'impiccagione poteva causare erezione ed aiaculazione, tanto che si era pensato che questa pratica potesse rivelarsi utile nella cura delle disfunzioni erettili... Di questo collegamento, fra impiccagione e sessualità, se ne parla nei libri del Marchese De sade, Melville, Giono e Becket.


Non si hanno molti dati a disposizione sulla frequenza di questa parafilia, perché essa viene spesso scambiata per suicidio.
Questo per due motivi: il primo è che chi descrive la scena della morte non sempre è a conoscenza di questo genere di autostimolazione erotica; il secondo è che i parenti, rendendosi conto che il loro congiunto è morto per cause relative alla sua vita sessuale, cercano di far sparire subito tutti i materiali che potrebbero ricondurre alla vera causa della morte.


L'asfissia autoerotica spesso si accompagna all'uso di materiale pornografico, al travestitismo, al feticismo, al masochismo. Il mancato apporto di ossigeno al cervello può causare euforia ipossica, che comporta sensazioni di euforia, leggerezza, diminuzione delle inibizioni, stordimento ed incremento delle sensazioni relative alla masturbazione e all'orgasmo (Resnik, Eroticized Repetitive Hangings, American Journal of psychotherapy, 1972).

Il
problema molto serio è che questa pratica può portare alla morte, a causa dell'incapacità della vittima, di utilizzare i sistemi di protezione. Inoltre, la ripetizione di questa pratica comporta l'assuefazione alle sensazioni piacevoli, spingendo il soggetto ad accrescere la pericolosità delle sue pratiche, per provare ancora piacere.


Ora mettiamoci nei panni dei familiari di David Carradine... è meglio ammettere di avere un parente un po' depresso (e quindi morto suicida) o un pervertito (e quindi morto per colpa delle sue manie sessuali)?
Nel caso specifico, si è andato oltre tirando fuori strane storie di sette segrete del Kung-fu.
Quale sarà la verità?


Il Mortificatore ha visto la foto dalla scena del crimine pubblicata su un quotidiano thailandese.

Si. C'è qualcosa che non va.


1) David indossa una parrucca e una tuta a rete... ed è chiaro che c'era qualcun altro con lui nella stanza che doveva godere di questo spettacolo-travestimento.

2) Come può legarsi un uomo da solo le mani in quel modo? Mi sembra davvero improbabile.

3) Osservando la posizione rigida delle gambe, secondo il fenomeno del rigor mortis, a mio avviso, ci potrebbe essere la probabilità che David sia morto altrove e poi appeso nell'armadio. Ma questa è solo una mia ipotesi.

Di sicuro questo non è un suicidio... e per la gioia di Beatrix Kiddo, qualcuno ha ucciso veramente Bill!

R.I.P. David!


P.S. Se volete approfondire l'argomento, qui c'è l'articolo completo della Dottoressa Giuliana Proietti sull'asfissia autoerotica.

Comments :

3 commenti to “David Carradine: suicidio o asfissia autoerotica?”
Mauri ha detto...
on 

Mah...sono sempre più convinto che è stato un giochino erotico finito molto male ed era assolutamente in compagnia di qualcuno il caro amico Carradine. Ma la storia di questa fantomatica setta di Kung-fu chi l'ha messa in circolo, la famiglia di lui?? Baci Mortificatore, dal tuo primissimo sostenitore.

emma ha detto...
on 

mortificatore holmes potrebbe sostituirsi tranquillamente a vespa nella ricostruzione del giallo di cogne, con tanto di plastico e macchie di sangue...otterrebbe sicuramente più risultati della scientifica!

JOY ha detto...
on 

Oh dio quando ho sentito che era stato trovato impiccato non mi ha + circolato il sangue nelle ossa... il mio Bill! no... secondo me David è stato ammazzato e dire che è morto per altre cose è un insulto alla sua memoria! Come ha potuto legarsi da solo? David è stato ucciso da una delle sette di kung-fu su cui stava indagando per non so cosa. Quei bastardi... hanno infangato il suo nome, ma non hanno il minimo rispetto! Travestirlo in quel modo...
Spero che facciano una fine orrenda molto peggiore di quella di David perchè è quello che si meritano! Per non parlare della polizia thailandese non solo non indagano abbastanza, ma pubblicare quelle foto... che ignoranti.
Sono convinta che David era una persona fantastica e onesta basta andare sul suo myspace (quello vero) e vedere quello che scriveva...
CIAO DAVID
JOY

Posta un commento